Home » Archivio per Categoria » .TEMI » Cittadinanza non delegata

La ribellione del noi, in alternativa alla ribellione delegata del loro, in parlamento

Dal sito Comune-Info   –  http://comune-info.net/2013/02/la-ribellione-del-noi/ La ribellione del «noi» Non sappiamo se sia nata una nuova civiltà dello stare insieme, come sostiene l’autore di «L’egoismo è finito». Di sicuro si moltiplicano i tentativi per ricomporre le relazioni tra persone e per ripensare la vita nelle città. La cultura della proprietà e del consumo individuale rischia […]

Il grillismo per canalizzare il dissenso dei movimenti sui binari morti della politica?

[di Alessio Masone] Le consultazioni elettorali del 24 febbraio 2013 saranno ricordate per il sopravanzare del grillismo. Se analizziamo il voto elettorale in base all’attitudine alla delega dell’elettore, dobbiamo ritenere che il grillismo non è una rivoluzione ma un’involuzione che agevola una cittadinanza delegata. Se la politica dei partiti è in agonia, il leaderismo ne è un parassita […]

Shoah e omologazione: identità e cultura maggioritaria

[di Alessio Masone] Oggi, col senno di poi, tutti siamo scandalizzati da quello che hanno subito gli ebrei durante il nazismo. Ma questa posizione rischia di suonare come un luogo comune, quasi un modo per autoassolversi. Un processo culturale, invece, dovrebbe consistere in una messa in discussione dello status quo, del nostro abituale modo di […]

Il mio è un negozio indipendente… dall’inglese. Costi occulti dell’omologazione e costi artistici dell’esperienzialità

Ho qui inserito queste mie considerazioni per confrontarmi con gli amici di bMagazine, autori geniali del video “Benevento spicc inglisc”. Se non lo avete guardato, vi consiglio di farlo: è esilarante e ben realizzato. E’ godibile nella recitazione e nel montaggio, ma non ne condivido il messaggio, quando ironizza sulla scarsa conoscenza della lingua inglese […]

Dopo la primavera araba, l’autunno grillino? I grillini per continuare a delegare.

[di Alessio Masone] Dal punto di vista dell’impegno pubblico Se volessimo individuare una distinzione fra mondo politico e società civile, in base a quello che si mette a disposizione della collettività, gli uomini politici tendono a proporre le loro capacità decisionali sulla cosa pubblica esistente. Gli esponenti della società civile tendono a realizzare, in piccolo […]